wolframscience.com

A New Kind of Science: The NKS Forum : Powered by vBulletin version 2.3.0 A New Kind of Science: The NKS Forum > Pure NKS > ontopology
  Last Thread   Next Thread
Author
Thread Post New Thread    Post A Reply
GiacintoPlescia
fullerex
florence

Registered: Aug 2007
Posts: 8

ontopology

differenziarono l'apeiron e l'archè che cosmeggi, quale cosmesi o kalousia o bellezza finita dell'infinito sublime anaximandreo: delicate membrane spazeggiano ontopologiche, quali varietĂ_ sferiche o phenomena, quali imago dell'ecstasitĂ_ eonyka che platoneggi o eidousia, o ideale Cronotopia della Physis Ontopologica.

Lo spazio è la libertĂ_ che situeggi, spazeggi, trascendeggi, ondeggi, campeggi il deieggiare, lĂ_ ove gli dei sono fuggiti, gli spazi lì sublimeggiano.
Lo spazio è la libertĂ_ che sublimeggi.
Nello spazio il sublime disvela eventi, transcenteggia sublime.

Cos'è lo spazio che sublimeggi?
La natura di quell'evento è il sublime.
Ma qual è il sublime?
Che cosa ne è del vuoto che spazeggi?
Il vuoto è sublime ondeggiare.
Il vuoto non è più nulla, nulleggia.
NĂ© è l'evento che decostrueggi, è un' eventitĂ_ che sublimeggi, decostrueggia la sublime differenza.

L'evento della differenza è il movimento che disvela le differenze sublimi e sublimeggi o transcendeggi, è la differenza ontopologica heideggeriana quale struttura ontopologica che eventeggi l'esseritĂ_ dell'entitĂ_ in parausia o sublime parousia, è la parausia sublime dell' esseritĂ_ che decostrueggi e fenomeggi, esseritĂ_ della purezza della presenza sublime che spazeggi, quale spazitĂ_ indecidibile dell'evento che decostrueggi.

E' in decostruzione lĂ_ l'ontopologia, cioè l'ontopologia sublime che transcendeggi sublime ontopologico essere-parausia stabile della spazitĂ_ dell'eidousia o entitĂ_ ideale spaziale, ontologia e topologia transcendeggiano l'eventitĂ_ sublime, la struttura ontopologica del sublime:evento che spazeggi l'Ontopology Dasein.

Luogo o Chora che sublimeggi,è l' eventitĂ_, l'eventeggiare della veritĂ_ che dĂ_ la fondatezza al mondeggiare.
La veritĂ_ che sublimeggi è excstasitĂ_, nell'excstasitĂ_ sublime della veritĂ_ quale eventitĂ_ dell'esseritĂ_.
Nell'arte sublime che sublimeggi l'esseritĂ_ dell'entitĂ_ nella libertĂ_.
L'arte è la spazitĂ_ sublime che sublimeggi.
Heidegger ricordò l'ondeggiare metafisico aristotelico dello spazio come insieme di luoghi finiti in grandezza e qualitĂ_, lì lo spazeggiare è pura estensione omogenea, uniforme, calcolata-parcellizzata, per trasformarsi con Kant in forma prioritaria intuitiva.

E' qui che Tecneggi la filosofica.






Se la Tecnica spazieggia, l'arte atarasseggia, epocheggia o sublimeggia: ondeggia sublime la spazitĂ_ dell'essere, sublimeggia al di lĂ_ della sua determinarezza calcolante; cos'è la spazitĂ_ sublime che sublimeggi?
E' lo spazeggiare dell'esseritĂ_ sublime, o Dasein che sublimeggi, essercitĂ_ o esseritĂ_ che transcendeggi.

Quale spazitĂ_ che spazeggi.
Raum raumt:lo spazio spazeggi, così come Welt weltet, il mondo mondeggi, spazeggiare la libertĂ_, sfoltire, diradare, ondeggiare eventi, eventitĂ_, transcendeggia l'EsseritĂ_ e tempitĂ_, giĂ_ s'in-spaziano: ein-räumen, la Lichtung che sublimeggi, la radura ove abiti poeticamente la veritĂ_ o poeteggi, o poieseggi o poeticheggi intesa come chiasma che chiasmeggi, ontopologia che splendeggi e nascondi, evidenzi e custodisca in sĂ© il mistero.

In “L'arte e lo spazio” ondeggia lo spazio, spazeggia, è libertĂ_ dispiegante luoghi e la scultura un ondeggiare dei luoghi.
Vuoto ontopologico, ciò-che-dĂ_-spazio, Einräumende che sublimeggi, che raccolga, la chora sublime del Timeo che platoneggi risonante in Aristotele nella Fisica come topos, o luogo.
In ontopologia sublime della radura sublime ove si possa fondare l'archè dell'architettura, la sua origine sublime fondata dall'archegete, è il celebre saggio heideggeriano:costruire, abitare, pensare il sublime.
Se lo spazio spazeggia quale vivenza, erlebniz che soggiorni e tempeggi nel mondeggiare, è l'ondeggiare del luogo, o contrada, ondeggiare che spazeggi in libertĂ_, arcifigura, forma originaria della libertĂ_ che spazeggi libera del movimento che transcendeggi l'esseritĂ_ sublime o singolaritĂ_ che spazeggi, varia, incurveggi nello spazeggiare: lo spazio spazeggia nella sua libertĂ_ e curveggia o echeggia, ondeggia in contrade ove l'esseritĂ_ vi abiti poeticamente, o poeteggi il curveggiare.

Più filosofica della scienza e più rigorosa, più vicina all'Essenza della Cosa stessa, è l'arte sublime.
L'arte è lo spazio o sublime che spazeggi o incurveggi spazitempi.
Dasein sublime che sublimeggi o l’essere exstasitĂ_ o esser-fuori-da, l’esseritĂ_ dell’esserci è l’e-stasitĂ_ che incurveggi spazitempi sublimi: esseritĂ_ che e-staseggi il sublime.
Spazio sublime del sublime che e-staseggi e incurveggi l’esseritĂ_ sublime che spazeggi:essere che transcenteggi e incurveggi EsseritĂ_ che spazitempeggi, quale essercitĂ_ che sublimeggi.

E' l’essercitĂ_ che sublimeggi l' essere-la-radura-sublime,Lichtung-sein-sublime che spazeggi il sublime, la radura sublime che sublimeggi e incurveggi esseritĂ_ sublime, non una qualitĂ_ tra le altre, ma la fondamentale dell’essercitĂ_ sublime che spazeggi nella radura sublime o Lichtung sublime che incurveggi l’esseritĂ_.

Nel pensiero poetante heideggeriano l’esseritĂ_ si dĂ_ sublime, sublimeggia, transcendeggia sublime nella veritĂ_ dell’esseritĂ_ sublime, è nella veritĂ_ o eventitĂ_ che incurveggi spazitempi.

Heidegger spazeggia l’esseritĂ_ e estaseggia il sublime o transcendeggia l’esseritĂ_ nella veritĂ_, l’esseritĂ_ si dĂ_ e può darsi soltanto lĂ_ ove si spazeggia quale sublime svelarsi che sublimeggi e incurveggi esseritĂ_, non c'è senza spazeggiare l’essercitĂ_ sublime che sublimeggi.






I tigli del castello-giardino e lo sguardo oltre il muro splendono in brillanza e curveggia nel tempo la Pasqua, o dietro la collina il prossimo Natale.
Dal campo chiasmeggia e curveggia verso la foresta il sublime.

Poi c'è il curveggiare e si saluta in alto.
Eventeggiano sul banchetto alcuni grandi pensieri poetanti, da interpretare.
Ogni volta è un enigma o eventitĂ_, ma il curveggiare è in vista, lĂ_ nel campo della radura sublime ove spazeggia l'essercitĂ_, lì incurveggia il piede sull'estensione della diradanza che risplendeggi.
Tempeggia lì l'essercitĂ_, ondeggia l'eventitĂ_ che curveggi, nei pensieri poetanti curveggia e ondeggia sul sentiero sublime ove il sentiero interrotto incurveggia.
Il sentiero sublime dell'esseritĂ_ ondeggia al curveggiare del pensante poetante come a quello dell'albeggiare.
Con il lungo passare degli anni il curveggiare spesso riecheggia reminiscenze di gioco e di scelte,quando si è sotto il colpo d' ascia lì nella radura del bosco, lì si curveggia attraverso......

GiacintoPlescia has attached this image:

__________________
che cos'è che dĂ_ magia al mito? che cos'è che dĂ_ magia al silenzio? che cos'è che dĂ_ magia all'anima? l'essere? l'interessere? l'interesserci....essere assentemente presente essere presentemente assente....essere....

Report this post to a moderator | IP: Logged

Old Post 01-06-2009 01:57 PM
GiacintoPlescia is offline Click Here to See the Profile for GiacintoPlescia Click here to Send GiacintoPlescia a Private Message Visit GiacintoPlescia's homepage! Edit/Delete Message Reply w/Quote
Post New Thread    Post A Reply
  Last Thread   Next Thread
Show Printable Version | Email this Page | Subscribe to this Thread


 

wolframscience.com  |  wolfram atlas  |  NKS online  |  Wolfram|Alpha  |  Wolfram Science Summer School  |  web resources  |  contact us

Forum Sponsored by Wolfram Research

© 2004-14 Wolfram Research, Inc. | Powered by vBulletin 2.3.0 © 2000-2002 Jelsoft Enterprises, Ltd. | Disclaimer | Archives